Home > Rubriche > Pensieri in punta di penna > Lo smart dressing


Lo smart dressing

Pubblicato da

L’abbigliamento della quarantena.
O – il che è lo stesso – la quarantena dell’abbigliamento

Fin da bambini ci hanno insegnato che dobbiamo vestirci adeguatamente ai diversi contesti in cui ci rechiamo.
Perciò: se vado a scuola, metto il grembiule; se vado a lavorare in ospedale, metto il camice; se vado a un matrimonio, metto l’abito; se resto a casa, posso tranquillamente tenere la tuta, o i pantaloncini e la maglietta, e le ciabatte.
Quindi, da quando sono diventato adulto, mi sono abituato a una logica ferrea e anche molto semplice: a casa resto in tuta (o in pantaloncini e maglietta) con le ciabatte; quando esco per andare al lavoro mi metto la camicia, i pantaloni e le scarpe. A casa: home dressing; al lavoro: work dressing.
Poi però è arrivato il Coronavirus.
Ci hanno detto che dobbiamo lavorare in smart working.
Tradotto: dobbiamo lavorare restando a casa.
E qui casca l’asino! Come mi vesto? Da casa o da lavoro?
La soluzione, per me – ma forse per tutti… –, è stata lo smart dressing: camicia sopra, pantaloni della tuta (o pantaloncini) e ciabatte sotto.
Facendo bene attenzione a non alzarmi mai dalla scrivania durante una videolezione, perché se no la webcam inquadrerebbe anche la parte sotto!

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.