Home > Fatti & Avvenimenti > Porte aperte al Prisma


Porte aperte al Prisma

Pubblicato da

L’associazione Il Prisma (Persone, Rete, Immagini, Salute, Movimento, Ambiente), nata nel luglio del 2017 e della quale ho l’onore di essere l’attuale presidente, riunisce professionisti con competenze differenti – al momento: neuropsichiatra infantile, logopedista, neuropsicomotricista, consulente per i disturbi dell’apprendimento, avvocato, educatrice interprete, rieducatrice del gesto grafico, optometrista, osteopata, arteterapeuta – che condividono la passione e la gioia nell’assistere e nel sostenere serenamente il cammino di ogni ragazzo, e la ferma convinzione dell’efficacia di agire in rete, con l’intenzione di diventare un punto di riferimento per le famiglie dei ragazzi con difficoltà nello studio o disturbi dell’apprendimento, nonché una risorsa sul territorio valdostano tesa al benessere collettivo in senso lato.
 
Dallo Statuto:
L’associazione Il Prisma persegue i seguenti scopi e promuove le seguenti attività:

  1. diffondere la cultura e l’informazione nel campo delle difficoltà e dei disturbi dell’apprendimento scolastico (DSA) e delle problematiche ad essi associate (a titolo esemplificativo ma non esaustivo: ADHD, disprassia, disturbi visuo-spaziali, disturbi emotivi);
  2. creare percorsi educativi e formativi individuali e di gruppo di sostegno allo studio (a titolo esemplificativo: doposcuola);
  3. sostenere la famiglia e la funzione genitoriale attraverso iniziative di consulenza, formazione, informazione e confronto, ponendo particolare attenzione alla salute psicofisica dei suoi membri;
  4. promuovere il benessere della persona, del bambino e della famiglia;
  5. promuovere processi di socializzazione ed integrazione a favore dei bambini e delle famiglie con bisogni speciali;
  6. facilitare e stimolare i rapporti fra la scuola e la famiglia e le attività che promuovano l’autonomia scolastica di bambini e ragazzi;
  7. stimolare l’aiuto, il dialogo, l’impegno e la responsabilità per favorire una cultura della collaborazione e della cittadinanza attiva in un’ottica di educazione civica;
  8. promuovere iniziative di ricerca scientifica nel campo dei disturbi specifici dell’apprendimento;
  9. promuovere eventi scientifici, culturali, civili, sociali e seminari rivolti alla cittadinanza per sensibilizzare il territorio alle tematiche relative all’educazione e al benessere di bambini e ragazzi;
  10. promuovere, organizzare, gestire e coordinare con la Pubblica Amministrazione, gli Enti Locali e le Aziende USL programmi e percorsi di formazione professionale per l’integrazione sociale e lavorativa delle persone con DSA;
  11. promuovere e curare, in modo diretto e/o indiretto, la pubblicazione di libri, riviste periodiche, notiziari, indagini, ricerche, bibliografie, anche per mezzo di strumenti telematici, nell’ambito dei propri scopi istituzionali;
  12. formare operatori con competenza specifica e il personale della scuola;
  13. promuovere nell’educazione l’utilizzo di nuove tecnologie supportate da metodologie attive e di partecipazione, come mezzo per il raggiungimento dell’autonomia nell’apprendimento;
  14. creare laboratori sperimentali attraverso percorsi psico-educativi individualizzati o di gruppo;
  15. fornire alle persone con DSA e alle loro famiglie un aiuto per trovare risposta ai problemi sia diagnostici che di assistenza scolastica, riabilitativa e legale.


Nel suo primo anno di vita, Il Prisma ha lavorato un po’ “in sordina”, cercando soprattutto di studiare e capire la realtà del nostro territorio, i reali bisogni delle famiglie e le risorse già a disposizione. Sono stati organizzati soltanto due eventi pubblici (una serata a Sarre ed una a Quart sul tema delle difficoltà nello studio), ai quali si è aggiunto il recente corso tenuto da me in Cittadella nel mese di giugno, sui software compensativi per i disturbi dell’apprendimento.
Abbiamo adesso intenzione di organizzare un evento di più ampia diffusione, per presentare l’associazione ad un pubblico più vasto.
 
L’evento – che ha ottenuto il partenariato della Cittadella dei Giovani di Aosta – si svolgerà presso la Sala Expo della medesima Cittadella, dalle ore 9 alle ore 12 di sabato 10 novembre 2018. L’ingresso sarà libero. Gli intervenuti potranno conoscere i professionisti che operano nell’associazione e dialogare con ciascuno sulle specifiche attività e sull’associazione in generale. Sarà anche possibile iscriversi al Prisma.
Per ogni ulteriore informazione potete contattare me oppure seguire la pagina Facebook del Prisma: @Prismaosta. Partecipate in tanti!
 
Scarica la locandina.

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.