Home > Senza categoria > Mani abili, menti agili: ci siamo quasi!


Mani abili, menti agili: ci siamo quasi!

Pubblicato da

Nell’ambito del progetto «ABIL-età» sostenuto dalla Fondazione Comunitaria della Valle d’Aosta – che ha per obiettivo aiutare le giovani generazioni, in modo particolare i bambini e gli adolescenti, a ritrovare il senso della creatività e dell’autoresponsabilità attraverso attività manuali, – l’associazione di volontariato L’Albero di Zaccheo organizza due serate destinate a genitori, insegnanti, educatori e volontari per mettere in luce l’importanza della manualità in età evolutiva e il valore educativo delle attività manuali per i bambini e gli adolescenti.
Prendendo le mosse dalle principali competenze importanti per una crescita armonica della persona, le due conferenze si focalizzeranno sull’abilità manuale come competenza fondamentale, base per lo sviluppo della creatività e stimolo per la socializzazione e la collaborazione tra pari. Si rifletterà sul valore dell’attività manuale nel contesto della cosiddetta “digital society” e ci si confronterà sul valore educativo delle attività manuali e sul ruolo degli adulti, presentando alcuni contributi della psicologia dello sviluppo sulla stretta relazione tra abilità manuale e intelligenza nei bambini, e tra abilità manuale e sviluppo sociale negli adolescenti. Infine, si cercherà di capire quale ruolo possano giocare la famiglia, la scuola e il volontariato nell’offerta di attività manuali.
Relatore delle due conferenze sarà Andrea Mangone, psicologo e dottore di ricerca in psicologia dello sviluppo e dell’educazione, che lavora come libero professionista – presso il neonato studio di psicologia e psicoterapia «Sinapsi» di Aosta – nel campo del sostegno psicosociale a bambini e adolescenti, dei disturbi dell’apprendimento e del supporto alla genitorialità, oltre a promuovere progetti nelle scuole e in contesti di volontariato, e ad occuparsi di formazione di educatori e operatori del mondo giovanile.
Gli appuntamenti sono fissati per venerdì 11 aprile ad Aosta, presso la sala conferenze della Biblioteca regionale, e martedì 15 aprile a Hône, presso la saletta della biblioteca, entrambi alle ore 20.30, con entrata libera fino al raggiungimento della massima capienza dei locali.
L’iniziativa è patrocinata dall’Assessorato istruzione e cultura della Regione Autonoma Valle d’Aosta e dal comune di Hône.
 
Articolo pubblicato sul Corriere della Valle del 6 aprile 2014.

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.