Home > Rubriche > Vivere dopo > Forse


Forse

Pubblicato da

 

 

RITORNO sempre a parlare di te
quando incontro qualche amico
che ti ha conosciuta.
Sono stato lontano
ho visto la solitudine
ho pianto sulle mimose
camminando contro il vento.
Ho lasciato che la mia pelle
fosse accarezzata dal sole
e dalle nuvole di rugiada.
Ho creduto che andare lontano
fosse come dimenticarti
come respirare aria viziata
e riuscire a piangere.
La tua giovinezza mi ha incantato:
ho visto il tuo carattere
salire lento sulle scale rifatte a nuovo
e ritornare calmo e sorridente.
Ho visto le tue labbra
girate verso di me, come per chiamarmi
per cercare aiuto
che forse avrei potuto darti.
Poi hai sentito il flauto incantato
cantare le tue canzoni
mi hai guardato sorridendo
come per chiedermi scusa
se te ne andavi
per inseguire i tuoi sogni
lontani di realtà.

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.